Beartown trova le crepe nei soffitti alti e nei muri spessi della cultura dell'hockey


Avviso spoiler e contenuto: Questa storia contiene Beartown spoiler sulla trama e menzioni di violenza sessuale.


Tutti i giocatori di hockey su ghiaccio hanno le loro posizioni: centro, portiere, difensore sinistro, ma alcuni sono meglio definiti dai loro ruoli. Lei è il nostro demone della velocità , potrebbe dire un allenatore di un atleta particolarmente pattinato. Gli scambi multimilionari nei migliori campionati professionistici vengono effettuati solo sulla base della presenza veterana di qualcuno. E poi c'è quel concerto di lunga data che è l'hockey da morire: Oh, quel ragazzo? È l'esecutore.

L'esecutore ha gomiti pesanti e un sopracciglio vistoso e un lavoro che è sia superficialmente brillante che profondamente retrogrado. I termini di vezzeggiativo e di disprezzo per l'esecutore sono gli stessi: scagnozzo. L'esecutore potrebbe essere stato qualcun altro una volta: un abile realizzatore da bambino, un'ala destra di terza linea allampanata di tutti i giorni come un'interpolazione. Ora, però, l'esecutore è pronto a distribuire o assorbire i pugni in faccia a mani nude, a guadagnarsi una punizione o a fornire avvertimenti, a creare le condizioni affinché i compagni di squadra di talento possano prosperare.



Esattamente ciò che l'esecutore dovrebbe far rispettare è una questione di opinione 'lo sai quando lo vedi' ed è stato un argomento continuo di conversazione senza consenso tra i circoli di hockey per il tempo eterno. Implica un codice d'onore sul ghiaccio in cui parte della violenza è significativa ma parte è ripugnante, e un sistema di valori in base al quale giocatori particolari, quelli conosciuti per il loro ruolo come la nostra stella, hanno diritto a livelli su misura di protezione umana mentre altri fanno fare con le loro pastiglie da hockey. L'enforcer è un archetipo che esiste nelle più alte sfere della storia IRL dell'hockey: Marty McSorley era ed è notoriamente conosciuto come la guardia del corpo di Wayne Gretzky ed era anche scambiato a fianco del Grande da Edmonton a L.A. Molte opere di fantasia, che vanno da Schiaffo a, sì, Vai avanti , considera anche il/i combattente/i.




Tra questi c'è la storia svedese Beartown , il romanzo avvincente e best-seller di Fredrik Backman del 2016, che è stato adattato in una serie di cinque episodi che originariamente è andata in onda come Bjornstad su HBO Europe lo scorso autunno ed è venuto negli Stati Uniti su HBO Max il mese scorso, concludendo lo scorso lunedì sera. Nel romanzo, un giovane allenatore di hockey rurale si irrita quando coloro che lo circondano non riescono a cogliere adeguatamente il rapporto tra il giocatore più aggressivo della sua squadra e il migliore. Non sta litigando, al primo pensa l'allenatore. Sta proteggendo l'investimento più importante che la città abbia mai visto. Quindi la mente dell'allenatore vaga su come anche il suo altro significativo si metta sempre d'accordo per aver usato concetti come investimento per descrivere i ragazzi di 17 anni. O capisci quell'aspetto dell'hockey o no, conclude tra sé, scontroso ma sicuro nella consapevolezza che qualunque parte stia deve essere quella illuminata.

La storia di Beartown è immerso in questo ethos sull'allocazione della protezione e la valutazione del valore nel far rispettare il modo in cui le cose funzionano qui, amico. La serie TV, e il suo materiale di partenza, capiscono che l'hockey è uno sport, ma è anche una biosfera, con un proprio ciclo perpetuo dell'acqua: lo Zamboni raschia e allaga il ghiaccio; i giocatori lo tagliano e lasciano solchi profondi e frastagliati ovunque mentre i fan ooh e ahh; e poi torna lo Zamboni ad appianare le cose. Soffitti alti e pareti spesse, è il motto di Beartown Ice Hockey Club, i lettori imparano presto nel romanzo. L'edificio è solido e abbastanza spazioso da impedire che qualsiasi scontro che si svolge all'interno si riversi all'esterno, spiega Backman. Questo vale sia sul ghiaccio che fuori.



Un tuffo freddo e vivido nell'ebbrezza del liceo e nell'orrore del crimine violento, Beartown e il suo adattamento televisivo esplorano sia il fascino che l'aggressività dell'hockey, esaminando cosa succede a una comunità quando i suoi sistemi si confrontano con il caos che hanno contribuito a creare. Mi occupo di sport da tutta la vita, Beartown dice il regista Peter Gronlund in una conversazione su Zoom, quindi conosco quella cultura, quella cultura macho. E penso che la migliore illustrazione di ciò sia probabilmente sul ghiaccio, a causa del machismo, della ruvidezza e del tipo di DNA violento dello stesso sport. È come se si celebrasse la violenza. Ti aspetti che la folla si aspetti violenza. Ha ragione: Beartown è un altro promemoria che nelle arene di tutto il mondo, quando un sicario entra in una partita di hockey, la folla praticamente esulta sempre.

un kubrick arancione meccanico

Prima Beartown era una serie TV basata su un best-seller (e, qualche anno fa, in un distretto scolastico della Carolina del Nord, vietato ) romanzo, era un romanzo basato su una proposta televisiva abbandonata. Lo scrittore con sede a Stoccolma Backman aveva già pubblicato diversi lavori, tra cui il libro di grande successo su un amaro maniaco di mezza età Un uomo chiamato Ove , quando ha iniziato a mettere insieme un progetto per il piccolo schermo su una squadra di hockey giovanile e una città, in bilico tra prestigio e rovina, e su un'aggressione sessuale a una festa di squadra che fa schiantare un'intera comunità su se stessa.

Ha scritto alcuni episodi di materiale televisivo, ma alla fine il progetto si è bloccato. Non ho pazienza per le riunioni, dice Backman, 39 anni, e, a quanto pare, fare uno show televisivo è circa il 99 percento delle riunioni, quindi sono andato in una stanza tranquilla e invece l'ho trasformato in un romanzo. (Da allora, il romanzo si è trasformato in una trilogia, il cui terzo libro uscirà entro la fine dell'anno.) Questa tortuosa provenienza si è resa evidente nel libro finale: Backman afferma che mentre i suoi romanzi precedenti erano stati, per così dire, una telecamera nella loro voce narrante, Beartown era un po' diverso, essendo iniziato come un trattamento televisivo che approfondiva lo sviluppo di una vasta gamma di voci di personaggi. Beartown Era la prima volta che scrivevo prospettive mutevoli, dice Backman, dal punto di vista di un numero di personaggi diversi.



Conosco quella cultura, quella cultura macho. E penso che la migliore illustrazione per questo sia probabilmente sul ghiaccio. —Peter Gronlund

Questi personaggi includono Kevin Erdahl, un adolescente prodigio dell'hockey che è tanto venerato quanto interiormente turbato, così come il padre d'acciaio di Kevin. Ci sono gli Andersson: Peter, un ex giocatore della NHL che torna nella sua città natale svedese con sua moglie e i suoi figli nella speranza di girare intorno al club di hockey locale in difficoltà e sfuggire a dolorosi ricordi personali, e sua moglie, un avvocato di nome Kira nel libro e Mira nello spettacolo, che lotta per bilanciare le proprie aspirazioni con la realtà di far parte di una famiglia di hockey. Uno dei loro figli è Maya, una solare e divertente quindicenne che preferisce di gran lunga la compagnia dei plettri ai dischi da hockey e che Kevin violenta a una festa di squadra in una casa a pochi passi dalla sua. C'è Amat, il demone della velocità della squadra nonché il suo centro morale, e sua madre, Fatima, un addetto alla custodia della pista il cui lavoro fisico ingrato le fa male al corpo. C'è Benji, il migliore amico di Kevin (e protettore sul ghiaccio) che comprende il suo ruolo nella squadra ma sta ancora cercando di farsi strada nel suo posto nel mondo.

C'è Ramona, la vecchia vedova salata che possiede l'abbeveratoio del paese. Ci sono i degenerati teppisti dell'hockey che regolarmente montano in sella per lamentarsi della loro squadra. (Svedesi: sono proprio come noi!) C'è un padre spietato che cerca disperatamente di far sparire le gravi e vere accuse contro suo figlio. E c'è una cornucopia di tutti i tipi familiari che possono trovarsi all'interno di qualsiasi pista di hockey, in qualsiasi paese, in qualsiasi momento: quei funzionari di squadra sudati (l'atmosfera del presidente del club è descritta come come un bambino che ha rubato qualcosa), quei maleducati elicotteri mamme.

Quello che ho davvero cercato di fare, dice Backman, non è stato scrivere una storia su un certo numero di individui, ma su una città. La comunità è la protagonista qui. È un personaggio principale per il quale l'hockey è un'ossessione accattivante e divorante: in quei giorni più bui, freddi e corti di un lungo inverno nordico, la pista è il luogo dove chiunque può trovare calore e luce, sia sul ghiaccio o sugli spalti. E lungi dall'essere un'allodola extracurricolare, il club di hockey Beartown rappresenta anche una potenziale ancora di salvezza a livello più strutturale, comunale.

Un'estensione di una fabbrica locale in decadenza le cui fortune toccano tutti in città, il club di hockey Beartown è anche la rara entità locale con la capacità di apportare un vero cambiamento. Gioca abbastanza bene e opportunità e denaro potrebbero seguire. Forse un giorno potrebbe esserci una struttura di allenamento nazionale per l'hockey sponsorizzata dallo stato, e poi un centro conferenze, e poi nuovi lucrosi sviluppi nelle infrastrutture e nelle strade, e poi posti di lavoro. Anche l'assunzione dell'eroe della città natale Peter Andersson, per quanto elogiativa, è molto attesa: un investimento, in altre parole. Ed è stato chiarito che se i ritorni non ci sono, non ci saranno più nemmeno i soldi, il che potrebbe significare la chiusura totale della pista.

L'hockey non è l'unico sport nella vita di Backman; si descrive, per esempio, come assistente allenatore dell'assistente allenatore dell'assistente allenatore dell'allenatore della squadra di calcio di mia figlia, quindi sostanzialmente sono il responsabile delle attrezzature. Ma crescendo, Backman amava l'hockey; le pareti della sua stanza erano tappezzate di poster di grandi della NHL come Gretzky e Jaromir Jagr e amati connazionali come Mats Sundin e Peter Forsberg. Per lui, lo sport è decisamente coinvolgente perché è, come dice lui, davvero, davvero difficile. Questo è ciò che lo rende un buon ambiente per questa storia, dice, perché richiede tutto da tutti. (Nell'episodio di apertura dell'adattamento, Peter suggerisce alla sua squadra: l'hockey richiede solo una cosa da noi. Qualunque cosa , è la risposta.)

Tuttavia, non tutti nel mondo letterario condividevano gli entusiasmi di lunga data di Backman, dice. Alla maggior parte delle persone con cui lavoro non piacciono affatto gli sport ed ero davvero scettico sul fatto che avrebbe trovato un grande pubblico al di fuori dei fan dell'hockey, dice. Ho continuato a insistere sul fatto che non devi amare il Quidditch per amare Harry Potter.

Miriam Ingrid non aveva mai nemmeno impugnato una mazza da hockey prima di essere scritturata per il ruolo di Maya Andersson in Beartown , né aveva trascorso molto tempo nel nord della Svezia. Oliver Dufaker era l'opposto prima di interpretare Kevin Erdahl: La sua pagina IMDb potrebbe essere stato inesistente, ma il suo sito di atterraggio sul sito web di hockey internazionale Prospettive d'élite era pieno di informazioni sulla sua carriera atletica nella vita reale nella scoscesa e boscosa contea di Norrbotten, la regione in cui Beartown è stato girato due inverni fa.

Nel Beartown , Maya è un'adolescente con un disinteresse appropriato all'età per la professione e l'ossessione di suo padre. (Nel suo primo giorno al suo nuovo liceo, quando una compagna di classe con gli occhi spalancati le chiede se conosceva Sidney Crosby perché viveva all'estero, lei risponde, nemmeno sgarbatamente: sta bene.) l'hockey—guardarlo, discuterne, suonarlo—Maya preferirebbe di gran lunga andare in giro con la sua chitarra.

Quello che ho veramente cercato di fare non è stato scrivere una storia su un certo numero di individui, ma su una città. La comunità è la protagonista qui. —Fredrik Backman

Nella vita reale, Ingrid aveva anche 15 anni quando è stata scelta per interpretare Maya. Come il suo personaggio, è arrivata nelle gelide regioni settentrionali della Svezia dopo aver condotto per anni un'esistenza più itinerante, spostandosi tra città che vanno da Varsavia a Bruxelles a Stoccolma sia con la sua famiglia che da sola. (Questa vita urbana ha incuriosito i direttori del casting, ma non è stata priva di inconvenienti: su Zoom, Ingrid ammette: mi sento un po' impreparato viaggiando verso nord. Non mi rendevo conto che sarebbe stato così freddo.)

dopo aver letto Beartown il libro da preparare, Ingrid sapeva che il personaggio per cui stava facendo l'audizione suonava la chitarra; le è capitato di suonare anche lei. Così mi sono registrato mentre cantavo e suonavo la chitarra, dice ora. E in realtà ho visto il video di presentazione, tipo, il mese scorso. Ed ero davvero imbarazzato! Precedente a Beartown , il lavoro sullo schermo di Ingrid era arrivato principalmente sotto forma di cortometraggi. Ma rispetto ad alcuni dei suoi contemporanei sul set, che non avevano lavoro sullo schermo di cui parlare, questo la rendeva una specie di presenza veterana.

Dufaker, proprio come molti altri giovani che hanno giocato Beartown compagni di squadra, è stato scelto in parte per una genuina capacità di giocare a hockey. Devi fare quella scelta: avrò attori che cercherò di formare, o avrò un doppio? dice Aimee McDaniel, uno dei migliori coreografi sportivi dell'industria dell'intrattenimento, in una conversazione telefonica. O andrò dietro agli atleti in quel particolare sport, e li addestrerò nella recitazione, o semplicemente li lascerò essere qualunque sia quel giocatore?

C'è un sacco di hockey in Beartown , sia tematicamente che in termini di volume. Le gare mostrate sono ad alto rischio—prima di una semifinale contro il rivale Hed, i ragazzi di Beartown sono casualmente ricordati dal loro allenatore che se perdono la partita, probabilmente perderanno anche la loro arena—ma l'hockey stesso sembra quasi lo-fi, in tutti i modi migliori. Questa non è roba da slo-mo, passaggi miracolosi dell'ultimo secondo che raramente accadono nella vita reale; non c'è nessun montaggio frenetico e elettrizzante impostato su grande musica, e nessun Flying V. Invece, c'è solo … hockey, hockey davvero buono, hockey giocato a lungo e quasi come se fosse in tempo reale.

Gran parte del merito va a McDaniel, un ex atleta collegiale che è passato da uno stage iniziale presso l'ex operazione sportiva Slamball a un concerto che aiutava la coreografia Miracolo , e non si è mai guardato indietro. (Ha anche lavorato su Invincibile , Braccio da un milione di dollari , e invincibile .) Penso che sia una star, dice Gronlund di McDaniel. Tutto il suo DNA riguarda lo sport e il comportamento in campo. Parlando dal set del suo attuale progetto, la serie TV sul calcio della CW Tutti americani , McDaniel afferma che la scelta di Gronlund di ingaggiare giocatori di hockey ha reso il suo lavoro al 100% più facile e le ha permesso di concentrarsi meglio su una storia che stiamo cercando di raccontare attraverso l'azione.

Il risultato è un'azione di gioco che mette in risalto la grazia dell'hockey, ma anche la sua ferocia, attirando gli spettatori con la bellezza ma offrendo un sacco di muscoli. Per Gronlund, questo sport congelato era un terreno fertile per i temi, come la mascolinità e la cultura del vincitore, che cercava di esplorare. Qualcuno è lì per picchiare i ragazzi, dice. Qualcuno è lì per entrare nella loro pelle. A volte questo qualcuno è il proprio compagno di squadra. Nella serie, Peter si confronta con una vecchia nemesi con la quale una volta venne alle mani durante gli allenamenti; quel ragazzo è Mats Erdahl, il freddo papà di Kevin e il ragazzo su cui si basano le fortune finanziarie dell'hockey di Beartown. Il più delle volte, però, questo tipo di cultura vincente trasmette messaggi di noi-contro-tutti. Come ha spiegato un atleta con cui Gronlund ha parlato durante la realizzazione del film, dice, sono stato cresciuto per odiare come un bambino di 3 anni.

Nel Beartown ci sono gol entusiasmanti in rimonta, certo, e risse, e giocatori che si buttano in partita in momenti di sospetto dramma. Ma la telecamera si sofferma anche su necessità banali come passaggi da D a D e piccoli controlli incrociati davanti alla rete. Gli orologi scendono a zero senza che nell'ultimo microsecondo si verifichi una sequenza improbabile di eventi. E non solo i bravi ragazzi non vincono sempre, non sono sempre i bravi ragazzi.

Alcuni giocatori di hockey, abbandonati sulla terraferma, non assomigliano tanto ai pesci fuor d'acqua quanto ai pinguini. Girano in numero con le loro spalle inclinate e le loro andature laterali, attirando l'attenzione e sembrando che gli piaccia. Quando è il momento di indossare i pattini e salire sul ghiaccio, è come se si tuffassero nella quieta libertà del mare gelido. Beartown è alternativamente espansivo e claustrofobico, portando lo spettatore con sé in tour con droni alle stelle prima di tuffarsi nella caffetteria per guardare a bocca aperta insieme a tutti gli altri.

Il romanzo fa anche questo: in una scena, quando un giocatore di hockey cade da un tavolo della sala da pranzo, Backman scrive: Ci sono due tipi di diciassettenni intorno a lui: quelli a cui piace l'hockey e quelli che lo odiano. Quelli che sono terrorizzati dal fatto che si sia ferito e quelli che sperano che lo faccia. Gronlund cattura bene questa dualità. Il regista potrebbe non essere sembrato la scelta più ovvia per dirigere uno show televisivo su adolescenti che giocano a hockey; i suoi progetti passati si sono concentrati su argomenti come gli anfetaminici e le organizzazioni criminali. Ma ero un po' incuriosito dai temi del libro, dice Gronlund sul primo ricevimento Beartown da uno dei produttori dell'adattamento, con la mascolinità tossica e altri problemi con cui ho a che fare costantemente nel mio lavoro.

Grazie per esserti iscritto!

Controlla la tua casella di posta per un'e-mail di benvenuto.

E-mail Iscrivendoti, accetti il ​​nostro Informativa sulla Privacy e gli utenti europei accettano la politica di trasferimento dei dati. sottoscrivi

Inoltre, l'esperienza passata di Gronlund nel casting e nel lavorare con non attori per i suoi film - è un po' come un fratello svedese di Safdie in questo modo - lo ha aiutato a costruire un mondo adolescenziale sullo schermo che sembra schiacciante e vero. Mi sento come se avessimo molta libertà, come la libertà della nostra lingua, ed eravamo liberi di improvvisare, ricorda Ingrid. Penso che in realtà fosse qualcosa che Peter voleva da noi piuttosto che seguire un copione rigoroso e rigoroso.

I personaggi flirtano e scherzano; lanciano insulti; raccontano bugie e rivelano verità; passano da caldo a freddo a incandescente in un istante. Volevo essere naturalistico, dice Gronlund. Per Ingrid, che dice di adorare il dark teen drama Euforia , ritrarre la sua fascia d'età con quel tipo di autenticità imbarazzante è in realtà qualcosa a cui tengo molto, dice.

Dedicando così tanto tempo e cura alla costruzione di una solida base di dettagli, dagli esercizi durante gli allenamenti di hockey ai miserabili giri in macchina tra Kevin e suo padre alla musica alle feste in cui i miei genitori sono in trasferta... Beartown permette di assumersi il peso dei suoi elementi più spaventosi e di contestualizzarli. Mette lo spettatore nella posizione non solo di vedere come si sviluppano quegli elementi, ma anche, forse, di chiedersi dove e come le stesse cose potrebbero accadere nella propria vita.

Ho cercato di ritrarre il modo in cui le conseguenze derivano da una catena di eventi, dice Backman, e molte persone diverse prendono decisioni piccole ed egoiste. Non volevo scrivere di persone 'buone' e 'cattive', volevo scrivere di quelle che ritengo siano persone perbene che continuano a fare cose orribili agli altri esseri umani solo perché in fondo credono di proteggere qualcosa che amano .

sinossi di esperimenti seriali

Una delle numerose partenze che Gronlund ha fatto dal romanzo è stata quella di costruire la relazione tra Maya e Kevin in modo significativo all'inizio. Nel libro, sono più come conoscenti di passaggio; nello spettacolo, sono praticamente già confidenti. Ciò rende particolarmente stridente e orribile quando Kevin, ubriaco e guidato dal diritto e dalla vergogna, rompe violentemente quella fiducia. Sfortunatamente, lo rende anche molto più reale.

Questa potrebbe essere una di quelle storie d'amore che potrebbero essere accadute, dice Gronlund. Anziché, Questo è accaduto. Ovviamente, per Maya, è una lotta far credere alle persone che sia successo qualcosa.

La cosa peggiore dell'avere un'adolescente è ricordare com'è, lamenta la madre di Maya, Mira, nell'episodio 3 di Beartown , ed è facile simpatizzare. Ancora e ancora, la serie chiarisce che per quanto adulti possano sentirsi e agire tanti dei suoi personaggi, sono anche molto giovani.

Maya ha la bocca piena di apparecchio. In una rappresentazione accurata dell'esperienza adolescenziale, il trasporto è una lotta costante: tutti quei grandi e goffi ragazzi dell'hockey nella caffetteria, hanno ancora bisogno che la madre di qualcuno venga a prenderli dopo la scuola. Nell'episodio di apertura Kevin combatte con suo padre, viene buttato fuori dall'auto e (dopo una caccia all'uomo in tutta la città, con torce elettriche) viene individuato da Peter e Maya e portato a casa. Si siede tremante sul sedile posteriore sotto una coperta, come un bambino. Più avanti nella serie in una scena straziante, Maya sta nella sua stanza indossando una grossa e sciocca maglietta da notte con un'enorme faccia da procione e guardando, colpita, fuori dalla finestra suo padre ignaro che abbraccia il suo stupratore con tenerezza paterna. Quando va in ospedale per denunciare la sua aggressione, la gentile infermiera che le è stata assegnata dice, in un modo che vuole essere rassicurante, che è la mamma di uno dei ragazzi della squadra di hockey. Gli adolescenti di Beartown non sono più bambini, ma anche il loro villaggio non ha ancora finito di allevarli.

Se tuo figlio gioca a hockey, dice Backman, lo fa tutta la famiglia. C'è così tanta preparazione e logistica intorno a ogni bambino in questo gioco che è naturale che le persone inizino a prenderlo più seriamente di quanto dovrebbero: perché ormai hanno investito così tanto. Tante ore, tante lacrime, tanto lavoro. Questo è stato, dice, il mio punto di partenza per la storia.

Nel finale di HBO, verso la fine di quella storia, si tiene una riunione straordinaria dei membri riguardo al futuro del club di hockey di Beartown, e tutte le persone che sentono di aver investito qualcosa nel corso degli anni si presentano. Schiacciato in file di sedie allestite in un piccolo caffè a bordo pista c'è quello che sembra ogni membro della comunità, dai funzionari della squadra ai teppisti a quell'infermiera. Sono tutti lì per votare se Peter debba restare allenatore della squadra di Beartown, che ha appena perso una partita di campionato senza di lui dietro la panchina e senza Kevin sul ghiaccio. Entrambi erano invece alla stazione di polizia locale, affrontando un incubo creato da Kevin. Ora sono entrambi seduti sulla pista, a discutere sul futuro di Peter.

L'incontro va come vanno sempre incontri del genere, scrive Backman nel suo romanzo. Inizia esitante, poi sfugge rapidamente di mano. In un certo senso, descrive l'incontro come se fosse un incontro di hockey: c'è una struttura nel caos, se sai dove guardare. Tutto ciò che è stato detto durante l'incontro è familiare ed estenuante, dalla mamma preoccupata che inizia la sua diffamazione su Maya dicendo In quanto donna, prendo molto sul serio la questione per i giocatori che incolpano la vittima per aver distrutto la loro squadra. Anche dopo che Amat ha coraggiosamente introdotto prove che confermano la storia di Maya e capovolgono l'incontro, non c'è una soluzione ordinata. Invece, vengono mostrati diversi atleti di Beartown, pochi minuti dopo l'incontro, che si fanno beffe di ciò che hanno appena sentito. Scommetto che ha messo Amat su questo, dice uno. Ha una grande cotta per lei, dice un altro. Quella fottuta puttana glielo ha fatto dire, concludono, e poi fare piani per prenderlo a calci in culo più tardi quella notte. Assumono questo ruolo come per istinto, facendo tutto il necessario per proteggere la loro stella caduta.

Ci sono segni che alcune persone hanno avuto un cambiamento di prospettiva. Benji, l'esecutore per sempre di Kevin, esce, dopo aver visto abbastanza per sapere che la loro amicizia è una cosa del passato. Sia un giocatore di Beartown, Bobo, sia un super tifoso, Niklas, hanno dei ripensamenti che li spingono a porre fine fisicamente all'attacco ad Amat. Peter mantiene il suo lavoro e dimostra anche un rinnovato impegno nell'investire emotivamente nella sua famiglia.

Alla fine, però, Mats trova Kevin un posto in una squadra in un'altra città e ha i mezzi per trasferirlo lì per un nuovo inizio. La polizia informa la famiglia Andersson che non seguiranno un caso. I carri sono cerchiati, i ranghi sono chiusi, i soffitti sono spessi e le pareti sono alte. Forse il motivo per cui sembra così spesso che tutti i fan tifano per l'esecutore è perché soffocano chiunque non lo faccia.

Articoli Interessanti

Messaggi Popolari

Road Warrior Animal era il futuro del wrestling

Road Warrior Animal era il futuro del wrestling

'Book of Basketball 2.0': Shaquille O'Neal e la piramide (con J.A. Adande)

'Book of Basketball 2.0': Shaquille O'Neal e la piramide (con J.A. Adande)

Stefon Diggs è pazzo da morire. Dove vanno i vichinghi da qui?

Stefon Diggs è pazzo da morire. Dove vanno i vichinghi da qui?

La sfida senza fine dell'adattamento di 'Watchmen'

La sfida senza fine dell'adattamento di 'Watchmen'

Cosa rende Rickie Fowler la scommessa più popolare nel golf?

Cosa rende Rickie Fowler la scommessa più popolare nel golf?

Walk of Shame: un resoconto dalla parata 0-16 dei Cleveland Browns

Walk of Shame: un resoconto dalla parata 0-16 dei Cleveland Browns

Di chi è la colpa, Frank Ocean o i suoi fan?

Di chi è la colpa, Frank Ocean o i suoi fan?

Apocalisse dopo

Apocalisse dopo

Trevor Rosenthal e Chris Davis stanno facendo il tipo più triste della storia del baseball

Trevor Rosenthal e Chris Davis stanno facendo il tipo più triste della storia del baseball

Classifica delle migliori sette scene d'azione in 'Point Break'

Classifica delle migliori sette scene d'azione in 'Point Break'

Amazon sta sviluppando il suo dramma di prestigio a storia alternativa

Amazon sta sviluppando il suo dramma di prestigio a storia alternativa

Netflix continua a scommettere sull'angolo adolescenziale dell'universo cinematografico di Sherlock Holmes

Netflix continua a scommettere sull'angolo adolescenziale dell'universo cinematografico di Sherlock Holmes

Il meglio della musica del 2021 (finora). Inoltre: l'album di Vince Staples

Il meglio della musica del 2021 (finora). Inoltre: l'album di Vince Staples

Premiere della quinta stagione di 'Insicuro'.

Premiere della quinta stagione di 'Insicuro'.

Mostro Mush

Mostro Mush

I Pistons hanno ceduto Andre Drummond ai Cavaliers. Ma perché?

I Pistons hanno ceduto Andre Drummond ai Cavaliers. Ma perché?

Nessun paese per vecchi running back

Nessun paese per vecchi running back

Il nuovo game show di Ellen DeGeneres è divertente, stupido e quasi cattivo

Il nuovo game show di Ellen DeGeneres è divertente, stupido e quasi cattivo

Luke Kuechly, un grande linebacker di tutti i tempi, si è ritirato a 28

Luke Kuechly, un grande linebacker di tutti i tempi, si è ritirato a 28

Se riesci a sopportarlo, 'Station Eleven' è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento

Se riesci a sopportarlo, 'Station Eleven' è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento

Timothée Chalamet Perdere agli Oscar è una buona cosa

Timothée Chalamet Perdere agli Oscar è una buona cosa

Jabez Olssen in 'Get Back' e i Beatles

Jabez Olssen in 'Get Back' e i Beatles

I primi 5 marcatori della NBA

I primi 5 marcatori della NBA

Antonio Brown ha ufficialmente richiesto uno scambio. Cosa succede dopo?

Antonio Brown ha ufficialmente richiesto uno scambio. Cosa succede dopo?

Arrivare al significato di Mariah Carey

Arrivare al significato di Mariah Carey

Il potere degli allenatori della NFL sta aumentando e l'attrattiva del lavoro di GM sta cambiando a causa di ciò

Il potere degli allenatori della NFL sta aumentando e l'attrattiva del lavoro di GM sta cambiando a causa di ciò

'Sig. Robot' finalmente mostra la sua mano

'Sig. Robot' finalmente mostra la sua mano

Il sogno di Bruce Lee è vivo in 'Warrior'

Il sogno di Bruce Lee è vivo in 'Warrior'

Classifica degli uomini famosi che siedono ai bar negli spot di liquori

Classifica degli uomini famosi che siedono ai bar negli spot di liquori

The Night Roman Reigns è diventato Joe Anoa'i

The Night Roman Reigns è diventato Joe Anoa'i

'The Challenge: All Stars' Stagione 2 con Janelle e Tyler

'The Challenge: All Stars' Stagione 2 con Janelle e Tyler

Cerchi quadrati dell'inferno

Cerchi quadrati dell'inferno

I migliori film del 2020

I migliori film del 2020

L'hip-hop non passerà mai veramente da 2Pac

L'hip-hop non passerà mai veramente da 2Pac

Essere in 'Grey's Anatomy' è il miglior lavoro a Hollywood

Essere in 'Grey's Anatomy' è il miglior lavoro a Hollywood