Joel Berry II e Grayson Allen stanno entrando nel loro atto finale

Joel Berry II ha dovuto segnare.

Dopo che la Carolina del Nord era stata in vantaggio di ben 10 punti nella seconda metà del suo incontro dell'8 febbraio con Duke, i Blue Devils si sono rifiutati di andare via. Quando Luke Maye ha fatto un maglione, Marvin Bagley III ha risposto con uno dei suoi. Quando Berry ha affondato un layup, Wendell Carter Jr. ha risposto. Con meno di nove minuti dalla fine e i Tar Heels in vantaggio sul 72-65, Berry ha portato la palla sul pavimento per incontrare Grayson Allen, Energizer Bunny di 6 piedi e 5 di Duke, tanto rabbioso quanto abile.



Berry ha lanciato la palla al suo compagno di squadra, Kenny Williams, che l'ha rimandata indietro pochi secondi dopo. Quando Berry ricevette il passaggio, pompava, facendo volare Allen fuori posizione. Con il suo difensore che si agitava, Berry ha guidato a sinistra, ha attraversato la linea dei 3 punti e ha rilasciato. Allen balzò indietro nel tentativo di riprendersi, ma era troppo tardi. Nel momento in cui avrebbe potuto saltare per cercare di interrompere il tiro, la palla era già fuori dalle mani di Berry, in viaggio attraverso lo spago.



È stato il tipo di momento che i fan e i compagni di squadra si aspettano da Berry, e un tiro che era sicuro sarebbe caduto. Qualsiasi scatto prendo... lo faccio al 100% e ne sono molto fiducioso, dice Berry. Li avevamo alle calcagna e quindi volevo solo continuare ad attaccare.

Allen ha avuto un certo numero di possibilità di capitalizzare su micro-run e recuperare il vantaggio per Duke, ma ha tirato una manciata di palle profonde nei minuti calanti della partita. Quelle sconfitte hanno segnato una vittoria per 82-78 per la Carolina del Nord e hanno lasciato la posizione dei Blue Devils come una delle migliori squadre del paese in questa stagione in questione. Ora, con l'11-0 di Duke all'inizio della campagna nel retrovisore e l'UNC che è emerso di recente come contendente, la rivincita di sabato dovrebbe dare il tono per entrambe le squadre che si avviano alla postseason.



Berry e Allen hanno giocato otto volte negli ultimi quattro anni, un arco durante il quale Duke ha un vantaggio di 5-3. Il loro nono incontro, e forse l'ultimo come parte di questa rivalità, si svolgerà al Cameron Indoor Stadium, un'arena che secondo Berry può diventare così rauca che il pavimento trema e il rumore copre tutto il resto. Puoi stare vicino al Coach e ancora non riesci a sentire nulla, dice Berry. Dovrebbe servire come atmosfera adatta per mostrare ancora una volta i talenti di due stelle senior che hanno portato i loro programmi ai campionati e cercheranno di farlo di nuovo questo marzo.

Con solo una manciata di gare rimaste prima che le rispettive carriere universitarie di Berry e Allen giungano alla fine, ogni gioco conta, e pochi contano più di questo. Ma i loro percorsi che si intersecano si estendono ben oltre una palestra affollata a Durham, nella Carolina del Nord. Cominciano più a sud, in Florida.

Allen e Berry non sono sempre stati avversari. C'è stato un tempo, nel 2013, in cui i giocatori indossavano la stessa maglia. Per come lo racconta Berry, lui e Allen erano entrambi in difficoltà nelle squadre dell'AAU. la bacca era La recluta delle scuole superiori più votata di ESPN in Florida e ha giocato per Each 1 Teach 1, i cui alunni includono la guardia dei Nets D'Angelo Russell e l'attaccante dei 76ers Ben Simmons. Allen ha giocato per il Southern Stampede che, nonostante avesse il secondo giocatore di ESPN nello stato, non stava trovando successo. I due vivevano vicini - Berry appena fuori Orlando e Allen a Jacksonville - e così fu escogitato un piano: un rappresentante di E1T1 chiamato Allen, e presto il futuro Blue Devil condivise un backcourt con il futuro Tar Heel.



Relazionato

Come Tony Bennett ha trasformato la Virginia negli Spurs del College Basketball

Sette riflessioni sull'indagine in corso dell'FBI da parte del College Basketball

È stata una grande mossa per noi, dice Berry. E poi, nel corso degli anni, è diventato esplosivo e ha schiacciato sulle persone. È entrato nella nostra squadra e ci ha solo reso molto migliori.

Non si allenavano spesso insieme, ma Berry dice che la coppia si è avvicinata sia in campo che negli hotel le notti prima delle partite. Con Berry a dirigere lo spettacolo e Allen in panchina, E1T1 ha vinto il Nike Peach Jam 2013, il torneo AAU più famoso della nazione. Edward Boobie Francis, allenatore di E1T1, ha detto a ESPN che ha usato i piani futuri del college dei suoi giocatori a vantaggio della squadra. Se Francis avesse urlato a Duke, Allen avrebbe avuto la possibilità. Se Francis dicesse Carolina, la palla andrebbe a Berry. E se l'allenatore avesse chiamato per l'Ohio State, il colpo sarebbe andato a Russell, lo statista più anziano del gruppo. Berry e Allen si sono uniti di nuovo quell'estate nel Nike Global Challenge del 2013 e la primavera successiva nel McDonald's All American Game prima di prendere strade separate.

il muro doug liman

Quando Allen è arrivato alla Duke nel 2014, è stato messo in ombra da quello che è stato il più grande pacchetto nella storia del basket universitario. Jahlil Okafor, Tyus Jones e Justise Winslow si erano tutti impegnati nella scuola insieme, ed erano visti come i prescelti che avrebbero riportato Duke alle Final Four per la prima volta dal 2010. Allen, che si era impegnato con i Blue Devils mesi prima di quel trio, era il membro dimenticato di una classe di reclutamento costellata di stelle.

Ha trascorso la prima parte della sua stagione da matricola nell'oscurità, giocando solo a scatti che portavano a pause nell'azione. Ma quando la seconda ala Semi Ojeleye si è trasferita alla SMU a dicembre e la guardia minore Rasheed Sulaimon è stato licenziato dal programma a gennaio , il capo allenatore Mike Krzyzewski ha ridotto la sua rotazione a otto, Allen incluso. Sebbene i suoi minuti siano aumentati, Allen è rimasto un ripensamento per i fan. Per allenatori e compagni di squadra, invece, era una tempesta in attesa di approdare.

[Allen] era malato prima del torneo e ha perso un paio di allenamenti, dice l'ex playmaker della Duke Quinn Cook. È tornato e l'allenatore ha detto: 'Felice di riaverti, Grayson. Sarai una grande ragione per cui vinceremo questo campionato nazionale.'

Quell'affermazione si è rivelata profetica. La serie di otto punti consecutivi di Allen nella partita per il titolo nazionale contro il Wisconsin ha spinto Duke a vincere per 68-63, e i Blue Devils hanno attribuito il loro dominio nel secondo tempo alla sua scintilla dalla panchina. La stagione successiva Allen è stato ancora migliore, con una media di 21,6 punti a partita in rotta verso il titolo All-American della terza squadra. Eppure durante quel periodo ha anche sviluppato una reputazione come nemico pubblico del basket universitario. Blowback da tre separato incidenti di inciampo durante il suo secondo anno, così come un quarto dalla sua stagione da junior, ha trasformato i fan occasionali contro di lui. Il basket universitario aveva bisogno di un vero cattivo; ne trovò uno ad Allen.

Per essere davvero bravo, devi avere il tuo vantaggio, e quindi tutti dicono: 'Deve smettere di fare questo e smettere di fare quello'. Beh sì, in un certo senso, ma devi anche averlo. Se lo hai guardato l'anno scorso, si è spento molte volte invece di accendersi. —Jon Scheyer, assistente allenatore della Duke

Mentre l'intensità di Allen gli ha fatto guadagnare molti detrattori, i suoi allenatori affermano che è il tratto che lo rende insostituibile. Per essere davvero bravo, devi avere il tuo vantaggio, e quindi tutti dicono: 'Deve smettere di fare questo e smettere di fare quello', dice l'assistente allenatore della Duke Jon Scheyer. Ebbene sì, in un certo senso, ma devi anche averlo. Se lo hai guardato l'anno scorso, si è spento molte volte invece di accendersi.

Le persone vicine ad Allen dicono che si sente innaturale sotto i riflettori. Mentre lottava durante la sua campagna junior nel 2016-17, è diventato chiaro che giocare al microscopio aveva avuto un impatto sul suo gioco. Penso che non ci sia dubbio che [la pressione dei media] abbia avuto una grossa mano nella [sua performance], dice Scheyer. Penso che fosse anche sapere che non poteva più farlo. E così, invece di bilanciare le cose, era più conservatore verso, 'Meglio non rovinare nulla'. Allen sembrava perso per gran parte dell'inverno, e Duke si è arrabbiato per no. 7 testa di serie South Carolina nel secondo turno del torneo NCAA.

La stagione da senior sulle montagne russe di Allen, che ha incluso una performance da 37 punti contro lo stato del Michigan, un inizio svogliato al gioco dell'ACC e un'impressionante rinascita a metà febbraio, ha sollevato dubbi sul fatto che possa portare Duke all'altezza. spera di raggiungere nelle prossime settimane. Può rispondere ad alcuni di loro sabato e cementarsi come una delle figure recenti che definiscono questa rivalità. Mentre i giocatori Duke più giovani e più pubblicizzati sono andati e venuti, Allen è rimasto a Durham. Con un'altra vittoria su Carolina, aggiungerà alla sua eredità Blue Devils.

Ovviamente, per assicurarsi quella vittoria dovrà avere la meglio su Berry, il suo avversario preferito e l'unica persona che lo ha eguagliato dall'inizio. Mi piace ancora guardare Joel giocare anche se gioca per UNC, Allen ha detto ai giornalisti a dicembre . Mi piace guardarlo giocare solo perché mi fa sentire come se fossi tornato al liceo.

Il maglione che Berry ha colpito su Allen a febbraio potrebbe sembrare familiare. Circa un anno prima, la guardia dei Tar Heels si è svolta in una delle migliori uscite della sua carriera, ghiacciando Allen e il suo allora compagno di squadra Amile Jefferson per sigillare una vittoria per 90-83 della Carolina in casa. Il primo canestro, un layup alla guida oltre Jefferson, ha mostrato la rapidità di Berry. Il secondo, un pull-up jumper che sorvolava le braccia tese di Allen, ha mostrato la sua forza. Pochi istanti dopo, Berry si connette di nuovo per sigillare il gioco.

All'epoca, la performance di Berry era considerata sorprendente. Aveva avuto grandi serate prima, ma non così, e certamente non contro Duke. I suoi 28 punti erano tre meno del suo record in carriera, e la sua corsa di sette punti consecutivi nella seconda metà è stata un'allungamento elettrico come qualsiasi altro che avesse mai avuto. Tuttavia, i suoi compagni di squadra sapevano che aveva questo in lui. Spara alcuni colpi coraggiosi, dice l'ex centro della Carolina Kennedy Meeks. Spara quei colpi in pratica tutto il tempo.

Proprio come nel caso di Allen, Berry è stato trascurato quando è arrivato per la prima volta al campus. Era una delle migliori reclute a livello nazionale, ma solo il terzo membro più pubblicizzato della classe 2014 dell'UNC. Justin Jackson e Theo Pinson erano i pezzi forti. Berry avrebbe dovuto scrivere il playmaker titolare, Marcus Paige, e il suo backup, Nate Britt Jr., ma senza avere un impatto immediato.

Le cose erano inizialmente tranquille. Berry non ha giocato più di 16 minuti in nessuna partita fino alla sconfitta di San Valentino contro Pittsburgh. Tuttavia, dopo che J.P. Tokoto si è dichiarato per il draft NBA nell'estate prima del secondo anno di Berry, il playmaker è stato improvvisamente inserito nella formazione iniziale. Dato più del triplo dei minuti che aveva giocato l'anno prima, ha segnato una media di 13,4 punti e quasi quattro assist a partita mentre i Tar Heels hanno conquistato il primo posto nell'ACC. Come il rivale Duke nel 2015, la Carolina del Nord è entrata nel torneo NCAA come n. 1 testa di serie e ha marciato attraverso ogni nemico che ha affrontato in rotta verso il gioco del titolo nazionale, apparentemente destinato ad appendere uno striscione. Se non fosse stato per un miracolo, avrebbe potuto.

Dopo il buzzer-beater di Villanova, Carolina è entrata nella scorsa stagione perseguitata dai demoni. I ricordi di quella perdita erano pesanti e i discorsi sulla prevista grandezza di Duke hanno dominato la maggior parte delle conversazioni di inizio stagione. Un'altra classe di reclutamento carica e il ritorno di Allen al campus significavano che era il campionato o il fallimento a Durham. Ma Duke si è sbriciolato con il passare dell'anno, finendo quinto nella classifica ACC della stagione regolare prima che le vittorie fortuite del torneo di conference sulla Carolina del Nord e Notre Dame lo portassero al no. 2 semi nella Grande Danza. I Tar Heels, nel frattempo, hanno rivendicato la testa di serie nella loro regione.

Ho vinto un campionato nazionale. Faccio parte della più grande rivalità che mai ci sarà. E per poter vivere tutto questo, non potresti chiedere di più. —Joel Berry II

Come nel marzo precedente, Carolina ha superato il proprio girone e, per la seconda volta in altrettanti anni, si è fermata a 40 minuti da un campionato nazionale, questa volta con solo Gonzaga da battere. Quella partita ha caratterizzato una dozzina di cambi di vantaggio fino a quando Berry, il capocannoniere degli Heels, è arrivato sulla linea del tiro libero a sette secondi dalla fine e la possibilità di sigillare la vittoria. In pochi minuti, aveva abbattuto le reti, finendo in cima per la prima volta dal Peach Jam. Cullava la palla tra le mani, sopraffatto dall'enormità del momento. L'allenatore della Carolina Roy Williams, sentendo la sua difficoltà, ha chiesto all'arbitro di vedere se Berry voleva un timeout. Egli fece.

Ho solo pensato all'anno scorso che era il contrario, e che i coriandoli stavano cadendo per l'altra squadra, dice Berry. Per essere finalmente in quel momento, e sapere che avremmo vinto il campionato nazionale, mi era arrivato.

Dopo quel trionfo, Berry ha pensato di diventare professionista. Il 24 aprile si dichiarò favorevole al progetto. Il giorno dopo si ritirò. Penso sempre all'NBA, dice. Ma essere in grado di avere l'idoneità a giocare a basket del college ed essere qui al college, quelli sono momenti in cui non torni. Voglio arrivare al livello successivo, ma ci sarà.

Berry aggiunge: ho vinto un campionato nazionale. Faccio parte della più grande rivalità che mai ci sarà. E per poter vivere tutto questo, non si potrebbe chiedere di più.

Berry e Allen non mandano messaggi molto in questi giorni, tranne per alcuni check-in ogni offseason. I loro genitori sono rimasti vicini, però, mantenendosi in costante contatto. E mentre i due potrebbero non parlare spesso, l'impatto che hanno avuto l'uno sull'altro è chiaro. È solo un onore essere affiliato con qualcuno come Grayson, e avere qualcuno che fa parte della mia vita così, Berry ha detto Dentro Carolina a febbraio. Non troppe persone hanno queste opportunità.

Mentre questa stagione volge al termine, il duo guarda verso una realtà che va oltre l'ACC. Uno scout NBA, parlando a condizione di anonimato, mi ha detto che si aspetta che Allen sia una scelta in ritardo al primo o all'inizio del secondo nel Draft 2018 e che Berry sia un secondo giocatore in ritardo o un pick-up free agent non selezionato. . Allen vanta un vantaggio maggiore, secondo lo scout, ma Berry ha il vantaggio di avere una posizione fissa e la rapidità necessaria per difendere i playmaker NBA. Sebbene lo scout abbia affermato che alcune squadre tengono conto dei modelli comportamentali durante la valutazione dei giocatori, qualsiasi potenziale intoppo che i front office potrebbero avere sulle prospettive professionali di Allen sarebbe mitigato da una forte dimostrazione in campo.

In vista della partita di sabato, Berry ha parlato dell'eredità. Era riluttante a dire che aveva realizzato tutto ciò che aveva sperato quando è arrivato a Chapel Hill quattro anni fa - un campionato nazionale, un paio di titoli di conferenza e un premio di miglior giocatore del torneo NCAA - ma ha detto che voleva finire la sua carriera in bellezza. Se ciò significa tagliare un'altra rete in poche settimane, beh, è ​​al di sopra e al di là anche delle sue più rosee aspettative.

Qualunque cosa aspetti, i titani di Tobacco Road devono prima prendere parte ad almeno un altro duello. E dovranno attraversarsi l'un l'altro per vincerlo.

Articoli Interessanti

Messaggi Popolari

Ogni artista R&B vuole suonare come Bryson Tiller

Ogni artista R&B vuole suonare come Bryson Tiller

Che flessibilità: i Dodgers 2018 sono la squadra più fluida in termini di posizione di tutti i tempi

Che flessibilità: i Dodgers 2018 sono la squadra più fluida in termini di posizione di tutti i tempi

I cittadini hanno speso alla grande e hanno vinto le World Series. Altre squadre seguiranno l'esempio?

I cittadini hanno speso alla grande e hanno vinto le World Series. Altre squadre seguiranno l'esempio?

Funziona grazie a Jared Harris

Funziona grazie a Jared Harris

Il moveset evanescente di Sami Zayn (oppure: resistere alla disperazione è ciò che significa essere liberi)

Il moveset evanescente di Sami Zayn (oppure: resistere alla disperazione è ciò che significa essere liberi)

Tutto quello che devi sapere su AEW

Tutto quello che devi sapere su AEW

Marcus Mariota è il jolly dell'offseason QB Carousel

Marcus Mariota è il jolly dell'offseason QB Carousel

Il mito della parità della NFL è diventato realtà

Il mito della parità della NFL è diventato realtà

Il programma di Christopher Plummer

Il programma di Christopher Plummer

Sidney Crosby si è infortunato e Capitals-Penguins è improvvisamente una serie

Sidney Crosby si è infortunato e Capitals-Penguins è improvvisamente una serie

Spider-Man: Homecoming: il mese della Marvel:

Spider-Man: Homecoming: il mese della Marvel:

Un futuro first-rounder non è così pieno di speranza come potresti pensare

Un futuro first-rounder non è così pieno di speranza come potresti pensare

Riuscirà Dakota Johnson a salvare 'Cinquanta sfumature di nero'?

Riuscirà Dakota Johnson a salvare 'Cinquanta sfumature di nero'?

Gli sport in diretta sono la prossima grande battaglia delle guerre in streaming

Gli sport in diretta sono la prossima grande battaglia delle guerre in streaming

Georgia, Stacey Abrams e la menzogna della frode elettorale sono al centro della corsa più competitiva dei Midterms

Georgia, Stacey Abrams e la menzogna della frode elettorale sono al centro della corsa più competitiva dei Midterms

'The Mandalorian' e 'Jedi: Fallen Order' sono le anteprime di 'Star Wars' post-Skywalker

'The Mandalorian' e 'Jedi: Fallen Order' sono le anteprime di 'Star Wars' post-Skywalker

L'infortunio di Kyrie azzera Nets-Bucks e mette tutti gli occhi su Kevin Durant

L'infortunio di Kyrie azzera Nets-Bucks e mette tutti gli occhi su Kevin Durant

UFC 208 dice all'inferno con la convenzione

UFC 208 dice all'inferno con la convenzione

Potresti non conoscere ancora Josh Hart, ma lo farai

Potresti non conoscere ancora Josh Hart, ma lo farai

Dak Prescott è buono come lo ricordavamo

Dak Prescott è buono come lo ricordavamo

Perché Tom Brady ha scelto i bucanieri?

Perché Tom Brady ha scelto i bucanieri?

Il miglior Chris in quarantena è Chris Pine

Il miglior Chris in quarantena è Chris Pine

I giorni dell'interbase debole sono morti

I giorni dell'interbase debole sono morti

Vincitori e sconfitti: i Rockets non possono nemmeno battere gli OG Warriors

Vincitori e sconfitti: i Rockets non possono nemmeno battere gli OG Warriors

Gli otto pop che hanno reso importante 'WrestleMania'.

Gli otto pop che hanno reso importante 'WrestleMania'.

'Il Trono di Spade' dovrebbe essere una storia nichilista?

'Il Trono di Spade' dovrebbe essere una storia nichilista?

I piaceri desolati e trasportatori di 'ZeroZeroZero'

I piaceri desolati e trasportatori di 'ZeroZeroZero'

Benvenuto nel Lato Oscuro, João Félix

Benvenuto nel Lato Oscuro, João Félix

'Ad Astra' e la scienza (fiction) degli astronauti instabili

'Ad Astra' e la scienza (fiction) degli astronauti instabili

Fantasy Wild Cards: L'enigma di Christian McCaffrey

Fantasy Wild Cards: L'enigma di Christian McCaffrey

Meera Reed meritava di meglio

Meera Reed meritava di meglio

Una breve storia di tutti i cambi di squadra nel franchising 'veloce'

Una breve storia di tutti i cambi di squadra nel franchising 'veloce'

'SmackDown' prende a pugni

'SmackDown' prende a pugni

Dentro la storia dell'origine del supereroe di Shohei Ohtani

Dentro la storia dell'origine del supereroe di Shohei Ohtani

Parlare con un filosofo di 'The Good Place'

Parlare con un filosofo di 'The Good Place'